The 69 Eyes – Wasting the dawn

•April 8, 2007 • 2 Comments

The 69 eyes

been runnin’ away so long from the dayinto the strange night of stone to fade away

as the light is gently bleedin’ out of my soul

penetratin’ the evening

as i ride on this endless road

but you can’t turn back the time

it always gonna wait on the line

some may wish never to be born

wastin’ the dawn

like a rose growin’ from the christ’s thorn

wastin’ the dawn

been waitin’ for you so long little bird of prey

to fly me higher

to the brighter day

where the Lizard lingers long under the sun

forgettin’ the night

darkest july

Paris ’71

Sono scappato per così tanto tempo via dal giornoverso la strana notte di pietra per scomparire

come la luce che sta gentilmente sanguinando via dalla mia anima

penetrando la sera mentre io percorro questa via infinita

ma tu non puoi riportare indietro il tempo

ti aspetterà sempre sulla linea

Alcuni possono desiderare di non essere mai nati

sprecando l’alba

come una rosa nata da una spina di Cristo

sprecando l’alba

Ho aspettato così a lungo che tu piccolo uccello rapace

mi facessi volare più in alto

verso il giorno più brillante

dove la Lucertola indugia a lungo sotto il sole

dimenticando la notte

nel luglio più scuro

Parigi ’71

The Lizard è uno dei nomi con cui era conosciuto Jim Morrison, alla cui memoria il testo è dedicato. Morrison morì, infatti, a Parigi, il 3 luglio 1971. Il video della canzone vede la partecipazione di Ville Valo, frontman degli HIM, che interpreta il fantasma di Morrison in un cimitero innevato.

The 69 Eyes – Christina Death

•March 31, 2007 • 1 Comment

The 69 eyes

She likes to sleep her nights with the window open wide
Just in case her Dark Prince would come by the silvery light
She lives with her two cats a “please no ads” sign on her door
Memories in her photo books some of them still a bit sore
Christina Death
Smokes cigarettes in her bed
Christina Death
Paints her lips every night blood red
She hates Christmas nights more than dressing up in white
The lightning’s something she adores like Frankenstein’s Bride
She’s obsessed with the Hollywood Book of Dead church yards give her more
No room for the living in her heart cold as 1334
Christina Death
Smokes cigarettes in her bed
Christina Death
Paints her lips every night blood red
Christina Death
Drinks Absinth after giving head
Christina Death
I know you before we ever me
Le piace dormire le sue notti con la finestra spalancata
Nel caso in cui il suo Principe Nero arrivi dalla luce d’argento
Vive con due gatti e un cartello “Niente pubblicità. Grazie.” sulla porta
Ricordi nel suo album di fotografie, alcuni fanno ancora un po’ male
Christina Death
fuma sigarette nel suo letto
Christina Death
Dipinge le sue labbra di rosso sangue ogni notte
Odia le notti di Natale più che vestirsi di bianco
I fulmini sono una cosa che adora come la Sposa di Frankenstein
E’ ossessionata dal Libro delle Morti di Holliwood I cortili delle chiese le danno di più
Non c’è spazio per la vita nel suo cuore freddo come il 1334
Christina Death
fuma sigarette nel suo letto
Christina Death
Dipinge le sue labbra di rosso sangue ogni notte
Christina Death
Beve assenzio dopo aver fatto un pompino
Christina Death
Ti conoscevo già prima di incontrarti

Hello world!

•March 30, 2007 • 1 Comment

Welcome to WordPress.com. This is your first post. Edit or delete it and start blogging!